Les registres de délibérations comme instruments de l’affirmation seigneuriale : le cas de Gubbio à la fin du XIVe siècle.

L’auteur

Alberto Luongo  est diplômé d’histoire de l’Università degli Studi di Milano et docteur en histoire médiévale de l’Università di Pisa. Il a été titulaire de bourses de recherche à l’Università di Pisa et au Deutsches Historisches Institut de Rome. Il travaille principalement sur l’histoire politique, sociale et économique des villes italiennes aux XIIe-XIVe siècles. Il est l’auteur de Gubbio nel Trecento. Il comune popolare e la mutazione signorile (Rome, Viella, 2016).

Article

L’ultimo quarto del XIV secolo fu per Gubbio, città dell’Italia centrale a nord-est dell’odierna Umbria, un periodo di profondi cambiamenti istituzionali. Tali cambiamenti furono al contempo la causa e l’effetto di periodi più o meno lunghi di crisi politica ed economica, il cui superamento generò lo stabilizzarsi della città nello Stato dei Montefeltro – poi Della Rovere – a partire dal XV secolo. Schematicamente possiamo individuare quattro periodi significativi:

-1375-1379: restaurazione del governo popolare autonomo a seguito della ribellione contro il domino diretto della Chiesa durante la Guerra degli Otto Santi

-1379-1383: diarchia del vescovo Gabriele Gabrielli e di suo fratello Francesco.

-1383-1384: ritorno del governo popolare indipendente.

-1384-1404: formazione della signoria di Antonio da Montefeltro.

Lo schema non rende giustizia di molte cose, prima fra tutte il fatto che il governo popolare non smise mai formalmente di esistere durante i periodi di dominio signorile, venendo tuttavia depotenziato in favore dei vari governi personali, ma ci aiuta a capire l’instabilità politica di quegli anni. In particolare i periodi di costruzione delle due esperienze signorili furono attraversati da conflitti che talora sfociarono in vere e proprie violenze, sia sotto forma di repressione del dissenso, nel caso dei Gabrielli, sia di congiura contro il signore, nel caso del Montefeltro.

Lo scopo della relazione sarà tentare di capire quanto tutto ciò sia visibile nella registrazione delle delibere comunali, a Gubbio Rifomanze, che ci sono giunte in serie completa a partire dal 1374, con l’esclusione dell’anno 1379 e della prima parte del 1380. A ben guardare, infatti, se avessimo avuto a disposizione solamente i registri delle Riformanze, la conflittualità interna al comune non sarebbe stata quasi visibile agli occhi degli storici moderni, se non tramite alcuni indizi che confermano quanto al riguardo sappiamo da altre fonti, soprattutto narrative. Certamente anche a Gubbio i registri delle delibere subirono tutti quei cambiamenti legati all’affermazione della signoria che Lorenzo Tanzini ha ben descritto, in particolare la riduzione del numero delle sedute e degli atti, con il conseguente aumento del numero di anni per volume, e la progressiva devitalizzazione del ruolo dei consigli, a Gubbio in favore del consolato – la suprema magistratura del comune composta da 8 membri – e di commissioni più ristrette da esso convocate. Si tratta di fenomeni importanti, che fermarono consuetudini di governo in vigore da almeno un secolo, ma che le delibere fanno sembrare privi di qualsiasi carattere eccezionale o traumatico. Lo scarto tra una realtà politica in continuo mutamento e una redazione delle delibere in cui tutto sembra essere pacifico e tranquillo è troppo evidente per pensare ad una casualità, ed è su questo che proverò a riflettere in relazione alle due esperienze signorili menzionate.

 

La ribellione popolare di Gubbio alla Chiesa del 1375 era stata guidata proprio da Gabriele Gabrielli, esponente della famiglia nobiliare più importante della città, tradizionalmente protettrice dell’ordinamento popolare. A quel tempo Gabriele era un monaco dell’abbazia di Fonte Avellana e fu protagonista della ribellione proponendo, fra le altre cose, la tassazione comunale dei beni ecclesiastici. La sua nomina a vescovo di Gubbio, avvenuta nel 1377, fu chiesta proprio dal comune popolare, che vedeva in Gabriele l’uomo forte che avrebbe potuto far accettare al papato il ritorno di Gubbio alla sua dimensione popolare senza comportare l’uscita della città dalla soggezione al pontefice e dai suoi favori, necessari per impedire alla vicina Perugia di intervenire militarmente. La riappacificazione in effetti avvenne, ma da quel momento il vescovo cessò di lavorare per la propria città, diventando l’uomo di fiducia di Gregorio XI nelle zone fra il Ducato di Spoleto e la Marca di Ancona, territorio dove Antonio da Montefeltro stava portando avanti la sua politica di espansione contro lo Stato della Chiesa. Il nuovo ruolo di Gabriele non si accordava più con le esigenze del Popolo di Gubbio e da questo fatto ebbe origine la svolta autoritaria del governo del vescovo, il quale espulse da Gubbio tutti i suoi avversari e iniziò a governare la città insieme al fratello Francesco, che ne metteva in pratica le direttive.

In questo contesto la cosa più difficile era trovare una via istituzionale legittima che consentisse al vescovo di esercitare il proprio potere sul comune: per questo motivo il Gabrielli si affidò inizialmente all’autorità superiore del re d’Ungheria Carlo di Durazzo, poi tentò di far riconoscere il suo potere a Perugia, fino all’ottenimento, alla fine del 1381, del vicariato apostolico sulla città, l’unico titolo che poteva legittimare senza equivoci la sua posizione. Prima del vicariato il suo potere non fu mai ufficiale e per questo Gabriele dovette ricorrere alla creazione di proprie istituzioni da far riconoscere come pubbliche dalle non entusiaste autorità comunali, ad esempio i quattro de arbitrio, una sorta di commissione speciale che controllava l’attività del comune per conto del vescovo, o il bargello, addetto alla repressione violenta del dissenso politico, che prese il posto di podestà e capitano del Popolo. Tra queste magistrature troviamo anche il notaio delle riformanze in carica per un tempo insolitamente lungo, fra l’agosto del 1380 e il luglio 1384, e per la prima volta un cittadino di Gubbio, non un forestiero come di consuetudine: il notaio era Vanni di ser Cecco Ubaldi, il quale da un lato faceva parte di quei gruppi popolari che tradizionalmente costituivano l’elite di governo della città, dall’altro era al servizio della diocesi come notaio vescovile da ben trent’anni. Questa doppia identità lo rese senz’altro il candidato ideale per essere accolto nel nuovo ruolo, che risultava quanto mai complicato a causa dell’esigenza di lavorare in favore della signoria, senza tuttavia intaccare l’immagine consueta della vita istituzionale del comune.

I suoi registri, infatti, sono formalmente uguali ai precedenti, che, come in tante altre città comunali, riportavano la seconda redazione ufficiale degli atti dei consigli approvati, non la verbalizzazione completa di tutte le sedute. Si trattava, dunque, di una selezione di documenti e chi selezionava e trascriveva nei registri ufficiali gli atti delle magistrature popolari era un uomo del vescovo. Non stupisce dunque che quasi niente del clima di tensione e di terrore di quegli anni ci sia nel registro di Vanni, interessato a non lasciare traccia ufficiale di eventuali abusi di potere da parte del vescovo. Ogni intervento di Gabriele e Francesco sembra essere stato concordato pacificamente con le autorità comunali. Alcuni casi tuttavia lasciano intuire la difficoltà da parte del notaio di mantenere questo equilibrio e ne citerò solamente uno: in un periodo in cui il consiglio cittadino fu convocato solo 12 volte in tre anni e mezzo, il 30 ottobre del 1381 i consoli riuscirono con molta fatica a convocare il consiglio e ad approvare la nomina di un capitano del Popolo da contrapporre militarmente alla diarchia; l’atto venne registrato nelle Riformanze e si mandò a chiamare anche il candidato prescelto, Bartolomeo da Colle Val d’Elsa, ma egli non arrivò mai a Gubbio perché proprio il novembre successivo il Gabrielli riuscì ad ottenere il vicariato apostolico. La questione del capitano del Popolo venne abbandonata completamente nel registro, così come assolutamente niente ci comunica del vicariato apostolico; il vescovo, anzi, nominò poi un proprio luogotenente dalle caratteristiche identiche, in termini di stipendio, composizione dell’entourage e compiti, a quelle che erano state pensate in consiglio per il capitano del Popolo.

La politica cittadina, insomma, non era in grado di svincolarsi dal controllo signorile, e il cancelliere, con tutta probabilità, era il ponte che collegava le due istituzioni consentendo al signore di non apparire come un intruso nell’ordinamento popolare.

 

Se nel caso della diarchia dei Gabrielli il dover far parlare i silenzi della documentazione ci impedisce di entrare maggiormente in dettaglio, il caso della signoria di Antonio da Montefeltro, non molto diverso in quanto a dissimulazione del conflitto politico, ci dice qualcosa di più perché questa volta sono forma e dimensioni dei registri a comunicare qualcosa. Anche in questo caso la nomina del cancelliere era affidata al conte, che però agì nei primi dieci anni della sua presenza in città come governatore e rettore del Popolo di Gubbio, non come conte o dominus, come si faceva chiamare nelle altre città del suo dominio, né tanto meno vicario apostolico, nonostante lo fosse dal 1390. Il ricordo delle violenze del regime dell’ultimo vicario apostolico era ancora troppo vivo.

Tutto ciò non toglie che era la prima volta che a Gubbio operava un cancelliere forestiero nominato da un potere che, pur mantenendo un basso profilo, era pur sempre nuovo e di difficile definizione, da molti considerato come una soluzione temporanea ai problemi politici ed economici che la città stava attraversando. Questo senso di precarietà e di difficoltà si vede molto bene nei registri del primo cancelliere feltresco di Gubbio, Severino Baldi da San Lorenzo in Campo. Quello che cambia è innanzitutto la forma, più ridotta rispetto ai registri delle delibere precedenti e successivi, molto simile a quella di un registro privato (fig. 1). Anche al suo interno il primo volume presenta un carattere misto tra la verbalizzazione di appunti e la registrazione di documenti, ben veicolato dall’alternanza di grafia corsiva e grafia posata, che lascia chiaramente identificare momenti diversi di scrittura (fig. 2). Il notaio faceva il suo dovere, dando forma scritta alla vita politica cittadina, ma evidentemente ancora non era chiaro quale fosse l’autorità di riferimento nel momento della realizzazione materiale del volume ufficiale. Un documento del luglio 1384, pochi giorni dopo l’arrivo del nuovo notaio: a Severino venne spontaneo scrivere che il consiglio cittadino fu convocato dai rappresentanti del conte di Montefeltro dietro loro esclusiva decisione, e solo dopo si accorse – o qualcuno gli fece notare – che si era dimenticato per ben due volte di menzionare i consoli di Gubbio e il loro operato, aggiunti prontamente di fianco (fig. 3).

Il registro successivo n. 12, dello stesso notaio, è ancora meno solenne del primo, con interi spazi lasciati vuoti, documenti cancellati e atti di cui possediamo solo la rubrica (fig. 4). Questo registro contiene documentazione dall’aprile 1385 all’agosto 1386, ma solo nella sua parte fino al luglio 1385 venne poi considerato fra i volumi delle Riformanze, mentre i mesi tra l’agosto del 1385 e l’agosto del 1386 furono trascritti nel registro delle Riformanze successivo dal nuovo cancelliere, Paolo da Cagli, quando le delibere di Gubbio ripresero il loro aspetto tradizionale per non abbandonarlo più. Avvenne, insomma, che attorno al settembre 1386, con la nomina del notaio Paolo da Cagli, si decise di continuare a trascrivere le Riformanze di Gubbio nella forma consueta, parte integrante di quel percorso di affermazione signorile “dolce” che il Montefeltro stava consapevolmente mettendo in atto per non far percepire il proprio operato come contrario alla tradizione popolare del comune. Il primo volume di Severino, brutto ma senza troppi vuoti, venne così mantenuto ed ufficializzato – forse proprio in quel momento venne dotato della nuova coperta ufficiale in pergamena. Il secondo invece, più in cattivo stato, fu ripreso dal nuovo notaio che ritrascrisse in forma selezionata e più elegante la metà del lavoro del suo predecessore.

Da questo momento in poi l’attività del comune di Gubbio sembrò aver ripreso il suo regolare e consueto cammino e i notai delle Riformanze che si susseguirono fecero ancora per anni la massima attenzione a non presentare il conte con qualifiche “pericolose”. Col tempo ai termini proteptor, rector e gubernator, si sostituì il termine di dominus generalis, un sicuro rafforzamento che però manteneva un carattere generico e comunque meno forte della parola vicarius, decisamente da evitare, per i motivi che ho detto. La menzione del vicariato compare nei registri solamente una volta nel 1394 (fig. 5). In tutto il registro e nello stesso documento il notaio, Piero da Bibbiena, non usa mai questo termine e nemmeno lo faranno i suoi successori, fatto che mi fa propendere per un altro lapsus; ma un errore importante perché conferma la funzione di presentazione dell’operato della signoria affidata al cancelliere comunale. Chi guardava e leggeva i volumi delle Riformanze, in quest’epoca soprattutto i consoli, ma anche i cittadini facenti parte delle commissioni, la maggioranza dei quali era favorevole al Montefeltro, doveva salvaguardare il proprio ruolo gestionale degli affari interni alla città, anche se ora questi venivano gestiti in accordo con il dominus. Niente doveva cambiare perché tutto cambiasse e i registri delle delibere, almeno ad un primo impatto, costituiscono l’immagine più chiara di questo apparente paradosso.

Figures :

Fig. 1

Fig. 1

 

Fig. 2

Sezione Archivio di Stato di Gubbio, Riformanze, n. 11.

Sezione Archivio di Stato di Gubbio, Riformanze, n. 11.Fig. 3

Sezione Archivio di Stato di Gubbio, Riformanze, n. 11, c. 19r.

Sezione Archivio di Stato di Gubbio, Riformanze, n. 11, c. 19r.

Fig. 4

Sezione Archivio di Stato di Gubbio, Riformanze, n. 12.

Sezione Archivio di Stato di Gubbio, Riformanze, n. 12.Fig. 5

Sezione Archivio di Stato di Gubbio, Riformanze, n. 15, c. 60r.

Sezione Archivio di Stato di Gubbio, Riformanze, n. 15, c. 60r.

Pour citer cet article : Alberto Luongo, « Les registres de délibérations comme instruments de l’affirmation seigneuriale : le cas de Gubbio à la fin du XIVe siècle. », in REGIDEL-Registres de délibérations urbains au Moyen Âge, 08/02/2018, https://regidel.hypotheses.org/381.

Alberto Luongo

Alberto Luongo, est diplômé d'histoire de l’Università degli Studi di Milano et docteur en histoire médiévale de l'Università di Pisa. Il était titulaire de bourses de recherche à l’Università di Pisa et au Deutsches Historisches Institut de Rome. Il travaille principalement sur l’histoire politique, sociale et économique des villes italiennes dans les siècles XII-XIV. Il est l’auteur de Gubbio nel Trecento. Il comune popolare e la mutazione signorile (Rome, Viella, 2016).

Vous aimerez aussi...

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search